Distanza: Off
Distanza:
km Set radius for geolocation
Cerca

Anthrocon a Pittsburgh: 6 dritte per quando incontrerete i furry questo fine settimana

Anthrocon a Pittsburgh: 6 dritte per quando incontrerete i furry questo fine settimana

Sì, va bene fare domande a furry e fursuiter.

E’ quel periodo dell’anno – l’Anthrocon è di nuovo in città.

Per aiutarvi a prepararvi alle più numerose interazioni coi furry, “The Incline” ha parlato con John Cole, direttore delle relazioni pubbliche dell’Anthrocon, per ottenere una lista di dritte su come comportarsi.

Ma prima, le basi: il raduno annuale attrarrà migliaia di persone a Pittsburgh per la conferenza che durerà da giovedì a domenica, e sarà il raduno più grande al mondo di persone interessate all’antropomorfismo.

Sebbene molti degli eventi siano solo per i partecipanti, la Parata Fursuit di Sabato alle 14 è aperta al pubblico. E quest’anno c’è un nuovo evento pubblico: un incontro coi manifestanti seguirà la parata, secondo Cole. Sarà nella sala D al piano terra del Centro Conventi David L. Lawrence.

Prima di recarti in Centro questa settimana, rispolvera le tue conoscenze sui fursuit e il relativo bon ton.

FURRY O FURSUIT? CONOSCI I DUE TERMINI.

Fursuiter è quasi un termine da “addetto ai lavori”, ma si riferisce a chi indossa costumi di pelliccia o se non un costume intero, almeno la testa e altri pezzi come le zampe e la coda, secondo Cole. In inglese, si può usare anche come verbo.

I Fursuiter sono Furry, ma non è necessariamente vero il contrario, a detta di Cole. Un Furry è chiunque faccia parte del fandom. Possono indossare orecchie e/o coda o semplicemente vestiti più mondani.

Cole come descrive l’essere un furry? Bene, dice che “per conoscere un furry bisogna sapere chi era”. Lui sostiene che i furry erano “il ragazzo ciccione che non è mai stato scelto in educazione fisica, il ragazzo smilzo che la gente ha preso in giro e il ragazzo cervellone da cui gli altri volevano copiare ma che nessuno invitava mai alle feste… Erano ragazzini desideravano interazioni sociali”.

E hanno trovato degli amici “nelle affettuose, felici e sorridenti facce” dei personaggi dei cartoni animati alla TV, ha detto, aggiungendo che ora i furry sono “semplicemente persone che non hanno mai dimenticato i loro amici d’infanzia”.

NON FERMATE UN FURSUITER MENTRE CAMMINA

Se venite alla parata adatta a grandi e piccini che si terrà Sabato, non vi aspettate che un fursuiter si fermi durante il percorso.

Innanzitutto, ci saranno barriere per impedire alla folla – specialmente ai bambini – di raggiungere la strada e far cadere per sbaglio un furry. (In quei costumi la vista è molto limitata) Inoltre, la parata deve continuare a muoversi per motivi di salute. L’interno della testa di un costume può raggiungere più di 38 gradi, secondo Cole.

Quindi se vedete un fursuiter durante una parata – o semplicemente mentre cammina per strada – e sembrano particolarmente concentrati, non li fermate. Potrebbe essere per motivi di salute.

TROVATE UN BUON POSTO PER LA PARATA DELLA DECIMA STRADA

I furry iniziano ad allinearsi per la parata in costume nel Centro Conventi alle 13 di Sabato, ma per Cole la folla comincerà a radunarsi attorno al percorso anche prima.

Due alla volta i furry, marceranno dall’atrio ovest e attraverseranno la Decima Strada per arrivare a Penn Avenue dove gireranno per un po’ (senza mai lasciare la Decima Strada) e ritorneranno dall’atrio est. Star 100.7 metterà su dei brani al punto di svolta.

La parata sarà lunga – si prospetta la partecipazione di più di 2000 fursuiter.

ASPETTATEVI CREATIVITA’ E ANIMALI IBRIDI.

Una delle cose che fa risaltare i furry rispetto alle altre fandom è che non si basa sull’immaginazione di qualcun’altro come Star Wars. I furry creano i loro personaggi e circa il 95% sono idee originali, e alcune sono giocose e simili a cartoni animati, mentre altre possono essere più spaventose e realistiche. Inoltre la maggior parte dei furry hanno una storia per il loro personaggio, e solo alcuni sono disposti a condividerla.

In aggiunta a tutti i colori insoliti e animali veri come volpi, cavalli e cani, ci sono alcuni ibridi creativi come un folf (volpe e lupo) o wagon (lupo e drago).

NON C’E’ NULLA DI MALE NEL FARE DOMANDE.

Secondo Cole la domanda più importante da fare a un furry è “Va bene se ti faccio una foto?”

La maggior parte dei fursuiter sono dei burloni e probabilmente si metteranno in posa per le vostre foto se li avvicinate in città o all’incontro.

Se incontrate un fursuiter in giro durante la settimana, avvicinateli e dite “Hey, mi piace il tuo costume. Posso farti una foto?” come lo chiedereste a qualcuno di cui vorreste fotografare il dorso della giacca. Finché i non-furry non sono rudi o aggressivi, dovrebbe andar bene.

Un’altra domanda da fare è “Puoi parlare?”. Alcuni fursuiter parlano e altri no, e gli ultimi potrebbero mimare una risposta, al che si può dire “Potresti aiutarmi a capire meglio?”.

Dopo questo, è meglio semplicemente chiedere se si possono fare altre domande.

VOLETE IMPARARNE DI PIU’? ANDATECI.

Biglietti per un giorno all’Anthrocon possono solo essere comprati sul posto e possono essere promossi ad abbonamenti completi. Oltre a presentazioni e discussioni ci saranno danze, musica, venditori e arte, date un occhiata al calendario degli eventi.

E no, i costumi non sono richiesti per partecipare.

Articolo originale tratto dal sito The Incline

Foto di Douglas Muth

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: